Un muro dipinto

come

Jean Fautrier

Ci sono giorni in cui emozioni alterne mi prendono e mi lacerano.

Non so se ridere o piangere…passo in un batter d’occhio dal desiderio al rimpianto,dalla speranza all’angoscia.

Il mio cuore è come certi quadri…pieno di crepe…e poi all’improvviso..la speranza.

Annunci

Informazioni su Anna Laura

Tutto cio' che non mi distrugge mi rende piu' forte.

»

  1. stefano ha detto:

    ……..nei dipinti non sono le crepe ad emozionare l’osservatore, quelle si osservano dopo, solo quando l’interesse per l’immagine e il riconoscimento dei simboli induce alla ricerca dei dettagli…..così le crepe non sono più un “danno” ma diventano testimonianza del vissuto e dei suoi valori.
    Un saluto, Stefano.

  2. Carpe Diem ha detto:

    E’ vero……
    Un saluto anche a te.

  3. wolfghost ha detto:

    Gli stati emotivi alterni sono spesso sintomo di un periodo di grande creativita’ interna; e’ quando c’e’ turbolenza che si “cerca” maggiormente, per ritrovare serenita’, stabilita’, e cosi’ si cresce. Di solito quando il mare e’ calmo come una tavola… non si va molto distante 😉

  4. Animula Vagula ha detto:

    Se vuole vedere altri cuori del pittore siciliano Giovanni Bosco :
    http://animulavagula.hautetfort.com/archive/2009/02/04/colloque-expo-catalogue-une-trilogie-bosco.html

    Saluti a tutti

    Ani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...