Scusatemi,sarò in po’ logorroica in questi giorni.

Dicono che devo riposare un po’ ,cosi’ per qualche giorno niente lavoro.

Ho rievocato con un amico ieri questo film “Centochiodi”..bellissimo,ambientato tutto nella nosta Pianura Padana.

Ho deciso di farne un post.

Centochiodi

Gli stessi chiodi della crocifissione un cristologico Ermanno Olmi li usa per colpire il pensiero scritto, in un sovvertimento doppiamente significante. Per il regista infatti, Gesù si ribellò alle regole, nel tempio, e al proprio martirio. Due punti che le ideologie e le religioni ora invece impongono, privando l’uomo del bene massimo della libertà. E lo fanno attraverso la presunta sapienza dei libri (“quanta verità è stata scritta in questi testi… A cosa sono serviti? A ingannarci l’un l’altro. C’è più verità in una carezza che in tutti i libri”). Una truffa causa di sofferenze e distoglimento da ciò che conta, ovvero il piacere di una vita semplice, in armonia con gli altri e la Terra. In tal senso, indicativi degli interessi del cineasta sono i tre prossimi lavori in cantiere (tornerà ad occuparsi di documentari come agli inizi): su “Terramadre”, riunione mondiale di contadini a Torino per essere di nuovo figure centrali della società, sulla riconversione delle aree industriali di Sesto San Giovanni, sulla ricerca della gioia.

Nel film – annunciato da Olmi come suo ultimo, e quindi ricapitolazione – il profeta protagonista si spoglia dei propri beni (ma fino a un certo punto: porta con sè computer portatile, contanti e carta di credito) e stabilendosi in un rudere in riva al Po incontra la disponibilità generosa e l’aiuto concreto di una commessa di alimentari (sacrale figura femminile portatrice di vita), un ex-muratore, e i “frequentatori del fiume”, cioè una po

Una comunità dialettale di persone pure, d’animo gentile.

Abusive e perciò minacciate da una scavatrice, mostro meccanico per la costruzione di un porto (“la Natura si ribellerà, cancellando ogni cosa che umilia tutte le creature”).

Uno dei grandi vecchi del cinema italiano si congeda con un’opera elegiaca, extratemporale, dei poetici dettagli (il sorgere del sole tra l’erba, le contrastanti correnti d’acqua sulla superficie del fiume, la nebbia sull’argine) della fotografia del figlio Fabio.etessa, un pittore e vecchi a cui basta bere tutti insieme un bicchiere di vino rosso.

La frase: “Tutti i libri del mondo non valgono un caffè con un amico”.

Annunci

Informazioni su Anna Laura

Tutto cio' che non mi distrugge mi rende piu' forte.

»

  1. Steve ha detto:

    What film is this?

  2. maipersempre ha detto:

    Steve,
    il titolo è “CENTOCHIODI”
    Regia di Ermanno Olmi.
    Ciao!!!

  3. Steve ha detto:

    Thanks, I will take a look at this film. looks interesting.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...