http://groups.msn.com/_Secure/0egAwAIQmKaj7b7SAzKO!YYzcz!K!989q!V9HRpq0vfeyAMxHBQFVyoR2XNw7FBevTLTr!cKqLLMs32uqBswK60wHc8Ha8FjcrUOqepWjDGVJeDlaXztjuNEwQR3Q6GnBzQN6aIg5QYT*fOaCqLQMpjrFT!IlLpSZ9eKFdk6!QCun1ZZjb6QxBg/Abbracciamoci.130x90.specchio.colorisecchi.jpeg

Amore,

“Oggi ti scrivo perchè non so se mai ti conoscerò.”(n.1)

Ma non è propiro cosi’ , e tu lo sai.

Io ho conosciuto la tua Anima, e tu hai conosciuto la mia,anche senza esserci mai visti.

Ho letto e riletto tutto di te.

I tuoi scritti sono meravigliosi ,affascinanti proprio perchè vi è sempre una parte di te in ombra,quasi volessi lasciarla inesplorata ,segreta.

Ma in questo momento nella mia vita c’è posto solo per la verità.

Non me la sento nemmeno di lottare. Ho già lottato tanto. Ora desidero solo serenità e pace,anche sola con me stessa.

Per questo me ne sono andata.

Tu dici che le anime si possono parlare anche in silenzio e che forse un silenzio “vero “vissuto” può essere piu’ intenso delle parole.

Forse è cosi’ anche per me.

Forse il silenzio vissuto,il fatto di essserci senza vederci e parlarci può creare un ponte tra noi.

Un ponte lunghissimo.

Un ponte di corde, come dici tu,che può essere si’ traballante, ma che sarà resistente.

David Grossman ha scritto un libro che io tengo sempre sul comodino “Che tu sia per me il coltello” di cui ti riporto le prime righe di inizio:

Myriam,

tu non mi conosci e,quando ti scrivo,sembra anche a me di non conoscermi, a dire il vero ho cercato di non scrivere,sono due giorni che ci provo, ma adesso mi sono arreso.Ti ho vista l’altro ieri al raduno del liceo.Tu non mi hai notato, stavo in disparte,forse non potevi vedermi.

Non spaventarti,non voglio incontrarti e interferire nella tua vita,vorrei piuttosto che tu accettassi di ricevere delle lettere da me.Insomma ,vorrei raccontarti di me(ogni tanto) scrivendo.

Non che la mia vita sia cosi’ interessante,ma mi piacerebbe darti qualcosa che altrimenti non saprei a chi dare.

Intendo qualcosa che non immaginavo si potesse dare ad un estraneo.

Mi piacerebbe che fosse cosi’ anche tra noi.

Io ti sciverò ,ogni tanto,solo per cercare di costruire quel ponte di corde.

Come sempre,ovunque tu sia ricordati che ti penso sempre e ti voglio bene.

Annunci

Informazioni su Anna Laura

Tutto cio' che non mi distrugge mi rende piu' forte.

»

  1. Le Anime possono anche parlarsi in silenzio ma quando si vedono quando gli occhi ti parlano.

    Altrimenti sono solo Anime Mute.

  2. maipersempre ha detto:

    Hai ragione Daniele,
    penso anch’io che se due anime non hanno la possibilità di guardarsi negli occhi,rimarranno solo e soltanto anime mute.
    A volte la vita però ci mette di fronte a scelte inverosimili.
    Anche un’anima muta penso abbia un suo valore ,anche se estremamente impalpabile ed inafferrabile.
    Un caro saluto.
    A.L.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...